Intervista Tema: Legame

In questa intervista la signora spiega i retroscena di Attenberger sul tema dell'attaccamento e perché e come il trasporto di neonati e bambini sostiene lo sviluppo degli stessi.

Bettina Attenberger

Bettina Attenberger è una dei luminari del mondo germanofono per quanto riguarda il trasporto di neonati e bambini nonché per il legame della prima infanzia. E' una terapista occupazionale, fondatrice della scuola del portare Trageschule NRW, madre di due bambini "nati" e SAFE-mentore. Per più di vent'anni ha fornito consulenza non solo ai genitori, ma si è anche occupata di formare consulenti presso la scuola del portare Trageschule NRW.

In questa intervista la signora spiega i retroscena di Attenberger sul tema dell'attaccamento e perché e come il trasporto di neonati e bambini sostiene lo sviluppo degli stessi.

Tema: Legame

Si sente ripetere più volte che il trasporto promuove il rapporto madre-bambino. Che cosa si intende esattamente per legame?

B.A.: I bambini nascono sempre con un'aspettativa di attaccamento e con la volontà di legarsi ad altre persone nel mondo. Il legame garantisce protezione ai neonati e infonde loro sicurezza. Dal momento che i piccoli umani nascono immaturi, è essenziale avere una persona di riferimento per un ulteriore sviluppo del bambino.

Nelle madri, l'attaccamento (il legame tra genitori e figlio) si manifesta già durante la gravidanza, un legame interno di attaccamento emotivo interiore. In linea di principio, tuttavia, l'aspettativa di attaccamento del bambino può essere soddisfatta anche da altre persone di riferimento, come il padre, i nonni, i padrini.

C'è un eccesso di attaccamento? Si sente ripetere continuamente che i bambini diventano poi i "figli della madre" o che non riescono ad agire da soli e hanno difficoltà a sviluppare una certa indipendenza.

B.A.: Per me coccolare significa togliere al bambino tutto quello che può già fare anche da solo. Ma questo non ha nulla a che vedere con il legame.

Padroneggiare le situazioni di vita è un processo. I genitori devono 1) percepire un problema e 2) riconoscerlo e reagire. Il processo di apprendimento nel bambino avviene facendo imparare al bambino stesso che qualcuno si sta prendendo cura dei suoi bisogni.

Di norma, si può osservare che i bambini in cui l'aspettativa di attaccamento è stata soddisfatta, soprattutto nel processo di sviluppo della prima infanzia, diventano indipendenti anche prima, vivono la vita con più coraggio, perché sanno di trovare il sostegno di cui hanno bisogno "a casa". Ogni volta che falliscono o se qualcosa non funziona come previsto.

Se il legame procede in maniera ottimale, questo può avere molti effetti positivi sullo sviluppo successivo: rafforzamento ad esempio della resilienza, della fiducia di base e dell'empatia. La prima esperienza di attaccamento è un'esperienza fondamentale per il successivo inquadramento della relazione.

In che modo il portarsi dietro il bambino aiuta a sviluppare il legame? Quali sono i vantaggi nel trasportarlo in materia di legame? Soprattutto rispetto ad altre "opzioni di trasporto", come per esempio una carrozzina?

B.A.: Portare il bambino con sé può essere d'aiuto in molti modi. Le tre aree più importanti che vengono essenzialmente promosse sono: la vicinanza fisica, la sensibilità e il contatto visivo. Tenerlo a contatto con la pelle ha un ulteriore effetto positivo. Si stimola la formazione dell'ormone ossitocina, che ha essenzialmente un effetto pro-sociale e favorisce una positiva interazione sociale.

Durante il trasporto l'intera concentrazione è sul bambino e su chi se ne prende cura. Il bambino ha la sensazione di essere nel posto giusto e, in situazioni di incertezza, può comunicare tramite uno scambio di sguardi con la madre e sapere subito se tutto è in ordine.

Quali effetti ha il trasporto sul bambino e sui genitori? Parole chiave: sentimenti, ormoni, prevenzione della violenza?

B.A.:Il trasporto ha un impatto su 3 importanti sensi base dell'uomo: senso dell'equilibrio, del tatto e controllo muscolare. Portando il bambino con sé, la funzione motoria e la consapevolezza del corpo vengono incoraggiate a svilupparsi. Come già accennato, portare il bambino con sé è anche essenziale per la vicinanza fisica e la sensibilità. Il contatto costante con gli occhi e con il corpo, ad esempio con la madre, dà al bambino una sensazione di protezione e sicurezza. Il trasporto ha anche un effetto positivo sui genitori. Rafforza soprattutto il loro senso di competenza. Inoltre, la formazione di ossitocina mentre si trasporta il bambino promuove lo scambio ormonale, che riduce lo stress per la madre e il bambino e crea un equilibrato sentimento quotidiano - soprattutto nei neonati prematuri.

Meno stress nella vita di tutti i giorni significa anche più mobilità per i nuovi genitori. Questi ultimi non corrono il rischio dell'isolamento, bensì sentono di poter fare qualcosa (per il bambino) e anche di fare qualcosa di buono per se stessi.

Il legame tra madre e figlio è fondamentalmente diverso da quello tra padre e figlio?

B.A.: La differenza più grande nel legame tra il bambino e la madre o il padre è probabilmente che la madre ha vissuto una gravidanza completa mentre il padre può partecipare all'argomento solo dopo il parto.

Fondamentalmente, però, per me si tratta più di una questione sociale o culturale. In Svezia, ad esempio, i padri hanno un congedo di paternità, ossia devono prendere almeno due mesi di congedo parentale e ricevere altri dieci giorni di congedo speciale nei primi tre mesi dopo la nascita del figlio, in modo da integrarsi maggiormente nella vita familiare quotidiana. Sebbene noi in Germania tendiamo a educare i bambini come singoli individui, in altre parti del mondo un bambino cresce in una comunità per diventare parte di essa. Si tratta di obiettivi educativi diversi o alternativi, ma che non hanno alcuna influenza negativa sul legame. Come già accennato all'inizio, ogni bambino nasce con una volontà e un'aspettativa di legame.

Fa la differenza chi porta il bambino? Portare il bambino aiuta a costruire un legame migliore - specialmente tra padre e figlio o anche tra nonni e figlio?

B.A.: Portare il bambino con sé è un tipo di strumento valido per me, ma - come tante altre cose - non è una garanzia. Aiuta perché posso prendermi cura di me stesso dopo la nascita del bambino e rende più facile abituarsi a questa nuova situazione, al ruolo di genitore. Può sostenermi nell'organizzazione di una nuova vita familiare e aiutarmi a creare un benessere equilibrato, perché posso concentrarmi allo stesso modo su me stesso e su mio figlio, senza sentirmi in colpa. È sempre utile cercare i cosiddetti co-fattori, in modo che anche i padri, i nonni o gli zii e le zie possano occuparsi della crescita del nucleo familiare e svolgere il loro ruolo all'interno della famiglia stessa.